Le interviste/3: Zen Circus

Post-concerto di Salerno, gli Zen Circus continuano il tour di “Andate tutti a fanculo”. Per fortuna con noi non l’hanno fatto, ed i rocker toscani si sono fatti intervistare da noi.

Live report di Franco Cappuccio

Intervista ad Andrea Appino degli Zen Circus

L’anno scorso è uscito il vostro ultimo album, “Andate Tutti Affanculo”; qual è il concept dietro l’album?
Fondamentalmente ci sono due motivi: il primo è che noi abbiamo sempre detto ai nostri fans che se mai avessimo fatto un album in italiano, l’avremmo chiamato così. Il secondo è che eravamo arrivati ad un momento in cui avevamo diverse cose da dire, e volevamo dirle in italiano, per denunciare un po’ la situazione della nostra società.

E’ stato diverso comporre in italiano rispetto a comporre in inglese?
No, da un punto di visto compositivo ed arrangiativo è stata la stessa cosa. Abbiamo deciso di passare all’italiano in maniera libera, semplicemente perché così doveva andare in quel momento.

The Zen Circus

Avete girato molto spesso in tour, anche all’estero; il cambio di lingua potrebbe svantaggiarvi nei confronti del pubblico straniero?
Ma io non credo onestamente. Nelle nostre tournèe all’estero, in Australia, in Inghilterra, abbiamo notato comunque una grande attenzione e un grande rispetto nei confronti della musica in sé per sé, indipendentemente dalla lingua parlata.
Nella vostra carriera avete collaborato con artisti molto eterogenei: da Brian Ritchie a Nada a Giorgio Canali, e molti altri ancora. Come si combinano spunti molto diversi tra loro con la vostra poetica musicale?
Noi siamo musicisti a 360°, ascoltiamo di tutto; per questo, amiamo molto collaborare con personaggi della musica che reputiamo molto bravi. Sono sempre stati tutti molto contenti: da Brian Ritchie, con cui abbiamo fatto una bellissima tournèe in Australia, a Nada. Quello che accomuna tutte le nostre collaborazioni è la passione che hanno per la musica: con Nada abbiamo 20 anni di differenza, ma mentre lavoravamo insieme, era come se fossimo coetanei.

~ di campaniarock su marzo 3, 2010.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

 
%d blogger cliccano Mi Piace per questo: